LECTURA DE 5 MIN 0

I gatti sono animali così indipendenti che molte persone pensano che non richiedano cure, purché mangino con regolarità. Questo potrebbe spiegare perché, rispetto ai gatti, i cani vengono portati il doppio delle volte dal Veterinario. Tuttavia, nelle varie età e fasi della vita, i gatti richiedono cure veterinarie importanti per la loro salute.

La partenza ideale per un gattino

Grazie agli anticorpi del latte materno, i gatti appena nati ricevono una protezione temporanea dalle malattie infettive. L’immunità, però, diminuisce velocemente con il tempo e i gatti necessitano poi di vaccinazioni contro patologie come la panleucopenia, le malattie delle vie respiratorie superiori e in alcune aree la rabbia. I gatti devono essere vaccinati circa all’ottava settimana di vita, con richiami a intervalli di tre o quattro settimane in base alle indicazioni del Veterinario. Il vaccino antirabbico, se necessario, è in genere somministrato alla dodicesima settimana di età. Se il gatto è a rischio di un’infezione da virus della leucemia felina, il Veterinario può consigliare la vaccinazione dalla nona settimana di vita in poi.

La visita iniziale è ideale anche per parlare di sterilizzazione e microchip.

Il check-up annuale del gatto

Il gatto adulto può mascherare  i sintomi delle malattie. Inoltre, tutti i gatti, anche se non escono mai, possono trarre benefici da un controllo regolare del loro stato di salute. Esaminando il gatto da cima a fondo, il Veterinario può riscontrare sintomi che potrebbero indicare l’insorgenza di malattie. La prevenzione è fondamentale per mantenere il gatto in uno stato di salute ottimale.

Le vaccinazioni sono importanti per rafforzare il sistema immunitario del gatto e aiutarlo a combattere le malattie infettive.

Cure particolari per i gatti anziani

Secondo la “American Animal Hospital Association”, raggiunti i sette anni di età il gatto è da considerarsi anziano. Un check-up regolare fa sì che il gatto rimanga nelle migliori condizioni possibili.

Ricorda: i sintomi  che indicano problemi di salute latenti possono non essere visibili, in quanto il gatto tende a mascherarli.

Segnali da osservare

Indipendentemente dall’età, se il gatto manifesta sintomi che rientrano fra quelli elencati di seguito, contatta il Veterinario per valutare la necessità di un controllo.

  • Tosse, raffreddore, secrezione nasale
  • Aumento o diminuzione di: appetito, sete, urinazione, defecazione
  • Vomito
  • Lamenti
  • Il gatto si lecca troppo
  • Variazioni del livello di attività
  • Cura eccessiva del pelo
  • Perdite di pelo localizzate
  • Dimagrimento
  • Minore uso o rifiuto della lettiera

SUGGERIMENTO: Una visita dal Veterinario è più semplice se il gatto ha già imparato che nel trasportino può divertirsi con un giocattolo o ricevere qualcosa di buono da mangiare.

 Principali temi da esaminare con il Veterinario durante il check-up

Una visita dal Veterinario è l’occasione giusta per parlare di tutti gli aspetti che riguardano la salute del gatto. Prima dell’appuntamento, prepara una lista con tutte le anomalie che hai notato, relative per esempio al comportamento, alla dieta o all’aspetto. Seguendo la lista, la visita sarà più proficua!

Cani e gatti traggono molti benefici se sottoposti a un controllo Veterinario annuale. La visita è un atto di prevenzione importante per una vita lunga e in salute. Gli esami regolari possono anche individuare segnali di allarme prima che le patologie manifestino sintomi evidenti.

  • Informazioni sul nuovo animale: sono molte le informazioni da condividere quando porti il tuo nuovo amico a quattro zampe dal Veterinario. Il personale d’ufficio registrerà i suoi dati, mentre il Medico raccoglierà dettagli importanti sulla sua storia.
  • Salute generale: durante l’esame, il Veterinario controllerà lo stato di salute generale dell’animale e ti farà domande sulle sue abitudini e sul suo livello di attività. È una buona occasione per chiedere delucidazioni su tutte le anomalie che hai notato (ricorda di consultare i tuoi appunti).
  • Feci: il Veterinario può chiederti un campione di feci dell’animale per un esame dei parassiti. Raccogli un campione fresco da consegnare in un contenitore adatto.
  • Protezione dai parassiti: il Veterinario potrà consigliarti come proteggere il tuo amico a quattro zampe dai parassiti e dalle potenziali malattie che trasmettono. A seconda di dove vivi e del periodo dell’anno, alcuni parassiti potrebbero essere più comuni. Ad esempio, l’estate è la stagione ideale per le zanzare e i pappataci, quindi potrebbe essere utile parlare di filariosi e/o leishmaniosi. In autunno o in primavera, i controlli principali potrebbero riguardare le zecche. A prescindere dalla stagione e a seconda di dove abiti, rilevare la presenza di zanzare, pappataci, zecche e pulci può essere importante tutto l’anno.
  • Vaccinazioni: durante il controllo annuale, il Veterinario può consigliare diversi vaccini, ad esempio quelli control’herpes virus, il calicivirus e la panleucopenia. In base ai protocolli locali, potrebbe essere necessario un richiamo regolare della vaccinazione contro la rabbia. A seconda dello stile di vita dell’animale, potrebbero essere necessari altri vaccini ad esempio contro la leucemia felina o la clamidiosi felina.

TRA I PROTOCOLLI DI BASE FIGURANO:

I protocolli di base sono quelli vivamente consigliati perché c’è il rischio che il gatto contragga la malattia.

  • Panleucopenia felina Infezione da Calicivirus felino
  • Herpesvirus felino di tipo 1 (detto anche rinotracheite virale felina)
  • Rabbia (in alcune aree)

 

Per informazioni supplementari su queste patologie, leggi di seguito.

IN ALCUNI CASI E’ IMPORTANTE FARE ATTENZIONE A:

Virus della leucemia felina (FeLV)

Rappresenta un rischio di potenziale infezione per molti gatti. Il virus della leucemia felina può indebolire il sistema immunitario del gatto e aumentare il rischio di altre infezioni. Inoltre, può causare direttamente cancro o malattie del sangue. Il virus della leucemia felina (FeLV) è veicolato da saliva, secrezioni nasali, urina, feci o sangue di altri gatti infetti. I gatti possono infettarsi:

  • Leccandosi reciprocamente il pelo
  • Dividendo cibo e acqua
  • In caso di ferite da morso o lotta con altri gatti
  • I cuccioli possono essere contagiati dalla madre

 

Colpi di tosse e starnuti di gatti infetti o il contatto con mani, superfici e indumenti contaminati possono infettare il gatto.

Il tuo gatto è a rischio?

 Il tuo gatto rischia di più se:

  • È ancora piccolo
  • Esce di casa, anche sporadicamente
  • Entra in contatto con altri gatti
  • Divide la casa con altri gatti

 

Il Veterinario potrà darti informazioni sulla malattia, sugli esami da effettuare e sulle possibilità di prevenzione.

Infezioni batteriche delle vie respiratorie superiori

La bordetella e la clamidia sono batteri che possono causare problemi respiratori e/o causare la comparsa di secrezioni oculari nei gatti. Se non curate, queste infezioni possono propagarsi e causare problemi più gravi come la polmonite. Colpi di tosse e starnuti di gatti infetti, o il contatto con mani, superfici e indumenti contaminati possono infettare il gatto.

Il tuo gatto è a rischio?

Il tuo gatto rischia di più se:

  • Entra in contatto con altri gatti (in case rurali, rifugi, negozi di animali, abitazioni con più gatti)
  • Abita con altri gatti o incontra spesso nuovi gatti

 

Il Veterinario potrà darti informazioni su come prevenire le infezioni delle vie respiratorie superiori.

Semplificare la visita dal Veterinario

Le regolari visite dal Veterinario aiuteranno il tuo gatto a rimanere in salute e consentiranno al medico di identificare un problema lieve prima che si aggravi.

Ecco alcuni suggerimenti affinché l’esperienza sia il più possibile calma e priva di stress.

Per te

Chiedi al Veterinario quali sono gli orari di minore affluenza oppure prendi un appuntamento.

Arriva qualche minuto prima e lascia il gatto in auto durante l’accettazione (se prevista), controllando che la giornata non sia troppo calda e che il gatto non possa scappare se il finestrino rimane aperto. Se odori, oggetti, suoni, persone e animali in sala d’attesa potrebbero allarmare il gatto, attendete in un luogo più tranquillo (per esempio una sala visite aperta).

Se è la prima visita da un nuovo Veterinario, porta con te una copia della documentazione medica dell’animale. Una spiegazione chiara del motivo della visita e di tutti i comportamenti che ti incuriosiscono renderà l’occasione più fruttuosa.

Prendi appunti durante la visita. Fai domande se non sei sicuro di aver capito le istruzioni per la cura dell’animale e la somministrazione di eventuali farmaci consigliati.

Per il gatto

Secondo la American Veterinary Medical Association, la maggior parte dei proprietari di gatti ritiene importanti i controlli di routine e le cure preventive; tuttavia, meno della metà porta regolarmente il gatto dal Veterinario

Uno dei motivi principali è che la maggior parte dei gatti dà problemi ancor prima di andare dal Veterinario. Molti felini non amano il trasportino, i viaggi e le lunghe attese circondati da estranei.

Ecco alcuni modi per rendere meno stressante la visita dal Veterinario:

  • Taglia accuratamente le unghie al gatto prima dell’appuntamento
  • Metti una copertina nel trasportino, in modo che il gatto ci si possa eventualmente nascondere
  • Porta un panno per coprire il trasportino in auto e in sala d’attesa
  • Tieni il gatto nel trasportino fino a quando entri in una sala visite privata.