Come proteggere il proprio cane da pulci e zecche

  • 4 Feb, 2019
  • LEGGI IN 5 MIN
  • 04/02/2019
  • LEGGI IN 5 MIN

Come proteggere il proprio cane da pulci e zecche

Pulci, zecche e altri parassiti sono l’ultima cosa che si desidera in casa propria e sul proprio cane e rappresentano un rischio costante per tutta la sua vita. Pertanto, è importante prevenire e adottare una profilassi antiparassitaria per il vostro amato compagno.

La prima cosa da fare per proteggere la casa e il cane da pulci e zecche è quella di discutere con il proprio Veterinario le opzioni di prevenzione e protezione. Dovreste anche essere in grado di riconoscere i segni della presenza di pulci e zecche sul cane, così da poter adottare il trattamento protettivo appropriato.

Pulci sui cani

Le pulci sono piccole e possono essere difficili da vedere mentre corrono nel mantello del cane; di fatto potreste notarle prima su di voi che sul vostro cane! Le pulci sono fastidiose per il nostro povero amico e possono causare forti pruriti, perdita di pelo, e in alcuni cani, una reazione allergica.

Le pulci possono rappresentare un grave rischio per la casa poiché un’unica pulce può depositare fino a 40 o 50 uova al giorno, infestando la casa e l’ambiente in cui soggiorna il cane (come la cuccia). Le larve delle pulci infatti si infilano in profondità nei tappeti e possono anche rimanere dormienti per periodi prolungati. Il ciclo biologico delle pulci dura poco meno di 12 settimane.

I sintomi delle infestazioni da pulci:

  • Grattarsi e leccarsi eccessivamente
  • Dermatite allergica (presenza di lesioni sulla cute come arrossamenti o ulcere)
  • “Residui di feci di pulci” minuscoli frammenti marroni sulla pelle o il pelo del cane che rappresentano sangue non digerito
  • Perdita di pelo

pulci-nei-cani

Zecche sui cani

Le zecche rappresentano un altro comune problema di infestazione tra gli animali domestici. Assomigliano a dei piccoli ragni e come essi sono dotati di 4 paia di zampe. Sono parassiti ematofagi, cioè che succhiano il sangue dell’ospite, necessario per deporre le uova. Le zecche durante il pasto di sangue possono trasmettere virus o batteri responsabili di diverse patologie, come la Malattia di Lyme, un’infezione batterica che può causare febbre, zoppia, apatia e gonfiore o dolori articolari.

Dato che le zecche possono essere portatrici di batteri e altri agenti che causano varie patologie, devono essere rimosse molto rapidamente poiché possono compromettere la salute del cane e dell’uomo.

Sintomi delle infestazioni da zecche:

  • Leccarsi o mordersi eccessivamente
  • Presenza di piccole escrescenze rilevabili mentre si accarezza il cane

Se riscontrate uno di questi segni, controllate a fondo il vostro cane, compresa la faccia interna dei padiglioni auricolari, gli spazi tra le dita delle zampe, separando accuratamente il pelo per avere una visione migliore. Se durante le pulizie in casa trovate una zecca, controllate il cane.

Come rimuovere una zecca

Indossate un paio di guanti di gomma o in lattice per ridurre la possibilità di trasmissione di infezioni. Utilizzate un paio di pinzette ed afferrate la zecca il più vicino possibile alla pelle del cane senza pizzicare o far male all’animale. Estraete la zecca con un movimento lineare, facendo attenzione a non ruotarla o schiacciarla e verificate che sia stata rimossa dalla pelle del cane.

Se una parte della zecca rimane sul cane, sarebbe opportuno portarlo dal Veterinario. Se non siete sicuri di come rimuovere le zecche, recatevi dal Veterinario per farvi aiutare.

New call-to-action

Come si trattano le pulci e le zecche?

Se il cane ha le pulci o le zecche, il Veterinario può consigliare il tipo di trattamento più comodo e appropriato per voi e il vostro cane. Esistono infatti diverse soluzioni, che differiscono per via di somministrazione, efficacia e durata.

Protezione della casa da pulci e zecche

È perfettamente normale preoccuparsi di avere pulci e zecche in casa, ma ci sono misure che si possono prendere per ridurre la possibilità di infestazione sia della casa che del cane.

Per ridurre il rischio di infestazioni da pulci e zecche in casa, si suggerisce di pulirla regolarmente con un aspirapolvere e di lavare la cuccia del cane almeno una volta alla settimana.

Insieme a un efficace trattamento contro i parassiti, queste semplici misure ridurranno la possibilità che il vostro cane venga infestato da pulci e zecche. Le pulci possono arrivare a casa vostra con il cane, sui vostri vestiti o con animali e persone in visita. Se scoprite pulci in casa, non aspettate di vederne comparire altre. Se ne trovate una, vuol dire che ce ne sono altre, e le pulci si moltiplicano rapidamente. Se sono arrivate col cane, riscontrerete su di lui i segni della loro presenza come prurito irrefrenabile e feci di pulci che assomigliano a polvere fine sul mantello. Un modo per scoprire se i minuscoli frammenti scuri sono feci di pulci è appoggiarli su un tovagliolo di carta bianca e aggiungere una o due gocce d’acqua. Una colorazione rossa del sangue digerito appare immediatamente attorno ai residui sul tovagliolo.

Le zecche, d’altro canto, di solito arrivano con il cane, poiché rimangono attaccate alla sua cute. Spazzolare il cane prima di entrare in casa al rientro dalle passeggiate è un buon modo per ridurre il rischio che rimangano delle zecche sul cane. Inoltre, esiste anche un tipo di zecca, la zecca bruna del cane, che può vivere all’interno delle case.

zecche-nei-cani

Prevenzione di pulci e zecche

Molti credono che le pulci e le zecche siano un problema estivo e che la prevenzione sia necessaria solo nei mesi caldi dell’anno. È vero che le pulci preferiscono le condizioni calde e umide, ma i riscaldamenti centralizzati moderni e l’innalzamento delle temperature le mantengono in condizioni ideali per tutto l’anno.

L’uso di un trattamento di facile applicazione, con azione rapida e lunga durata, evita preoccupazioni, sapendo che il cane è protetto dai parassiti a lungo termine. Un controllo adeguato preserva il benessere del cane, riducendo il rischio di irritazione ed esposizione a malattie contagiose. Il Medico Veterinario è l’unica figura in grado di valutare i trattamenti e discutere con voi le varie opzioni.