Come gestire e convivere con il diabete di cani e gatti

  • 10 Gen, 2020
  • LEGGI IN 5 MIN
  • 10/01/2020
  • LEGGI IN 5 MIN

Come gestire e convivere con il diabete di cani e gatti

La diagnosi di diabete porta con sé un senso di paura e di impotenza, per chi vive con un animale domestico. Queste sensazioni nascono dall’incertezza, ma anche dalla necessità di seguire un particolare regime quotidiano per prendersi cura del nostro amico a quattro zampe

La buona notizia è che con attenzione e pazienza costanti è possibile gestire e monitorare questa patologia. Il diabete mellito è una malattia endocrina comune nei cani e nei gatti: chi ne soffre non riesce a produrre l’insulina necessaria a convertire il glucosio in energia. Ciò significa che l’organismo non è in grado di assorbire il glucosio prodotto, costringendo così le cellule a cercare una diversa fonte di energia. Nel frattempo, il glucosio si accumula nel flusso sanguigno e viene eliminato nelle urine  causando una perdita di sostanze nutrienti e l’instaurarsi di una disidratazione che colpisce tutti gli organi e le funzioni dell’organismo. Per evitare questa situazione, occorre seguire una serie di raccomandazioni che il vostro veterinario può suggerirvi una volta valutato attentamente il cane o gatto diabetico aiutandolo a rimanere in salute, anche se il vostro contributo è altrettanto importante. Ecco quattro semplici operazioni da mettere in pratica.

gatto con diabete

1. Insulina a portata di zampa

Esistono due metodi per somministrare l’insulina a un cane o a un gatto diabetico: l’uso di una siringa per insulina U40, oppure di una specifica penna, chiamata Vetpen® La scelta del dispositivo corretto è molto importante per evitare errori nel dosaggio.

2. Il giusto peso di una dieta bilanciata

Anche se la tentazione di viziare i propri amici pelosi con prelibati stuzzichini e avanzi è sempre dietro l’angolo, bisogna affidarsi al veterinario e seguire alla lettera la dieta che vi prescriverà, in base alle esigenze del vostro cane o gatto. Se Fido ha bisogno di una dieta ricca di fibre, per il micio di casa è preferibile un’alimentazione povera di carboidrati. Se, invece, l’obiettivo è la perdita di peso, sarà prescritto un regime alimentare pensato a questo scopo. Tutti i pasti, spuntini e snack devono essere sempre equilibrati per evitare oscillazioni nel fabbisogno di insulina.

gestione del diabete nei gatti

3. Parola d’ordine: movimento

La medicina più divertente? Correre e giocare!

Cani e gatti devono restare sempre attivi, quindi via libera alle lunghe passeggiate. Il movimento aiuta i cani e i gatti diabetici a bruciare l’energia in eccesso e a rimanere sempre svegli e vitali, ma questa è una buona regola anche per gli animali che godono di buona salute. Il beneficio sarà evidente anche per chi li accompagna.

4. Tutto sotto controllo

È essenziale tenere traccia e monitorare l’intera routine quotidiana, che comprende le iniezioni di insulina, il consumo di acqua e cibo, il movimento, il glucosio nel sangue, il glucosio nelle urine e i chetoni. Per i cani e gatti diabetici è il Medico Veterinario a fornire il Diario del Pet Diabetico. Si tratta di un quadernetto apposito per registrare le attività svolte e per avere sempre a portata di mano informazioni preziose per gestire l’animale diabetico.

gestione del diabete nei cani

Convivere con la malattia: questione di abitudini

Il diabete è una condizione che dura tutta la vita. Per questo è fondamentale impostare abitudini corrette per il padrone, ma soprattutto per il cane o gatto diabetico.

La maggior parte degli animali domestici diabetici reagisce rapidamente alla somministrazione di insulina, ma a volte bisogna attendere qualche settimana per avere dei risultati evidenti.

Un programma ben fatto richiede poco tempo e sforzo, ma bisogna essere pazienti per dare al cane o al gatto il tempo di ritrovare il giusto equilibrio. Con le dovute premure e attenzioni, i vostri piccoli amici faranno grandi progressi, che potrete monitorare durante le visite periodiche dal veterinario. Ma occhio alle possibili complicazioni: la più comune è l’ipoglicemia, ovvero la scarsa presenza di zucchero nel sangue. Quest’ultima potrebbe subentrare se il vostro cane o gatto riceve una dose eccessiva di insulina, salta un pasto oppure mangia in orari diversi, se cambia alimentazione o abitudini, oppure se si ammala improvvisamente o sviluppa un’altra condizione cronica.

New call-to-action

Per questo, se il cane o gatto di casa manifesta lievi cambiamenti o se notate i primi sintomi del diabete, prendete subito appuntamento dal veterinario: ricordate, la salute del vostro amico a quattro zampe è nelle vostre mani.