Flebotomi e Leishmania: Conosciamoli, Preveniamola

  • 17 Ott, 2019
  • LEGGI IN 5 MIN
  • 17/10/2019
  • LEGGI IN 5 MIN

Flebotomi e Leishmania: Conosciamoli, Preveniamola

Se hai un cane o stai pensando di averne uno è importante che tu sappia cos’è la Leishmaniosi canina, come viene trasmessa, e le misure da adottare per prevenirla.

La Leishmaniosi è una grave malattia, che interessa l’ intero territorio nazionale. È trasmessa dalla puntura del flebotomo, un insetto vettore conosciuto anche con il termine di pappatacio. La malattia oggi è presente anche in zone che prima non erano ritenute endemiche: questo, a causa dell’innalzamento delle temperature che favoriscono la diffusione dei vettori responsabili, degli spostamenti e delle adozioni non controllate di cani provenienti da aree endemiche (fenomeno purtroppo ancora molto attuale).

In Italia la prevalenza si attesta oltre il 17%. Si stima che la patologia possa interessare circa un milione e 200mila cani domestici.

Non solo, la leishmaniosi è una zoonosi: tramite la puntura del flebotomo infetto, anche noi possiamo esserne colpiti. È dunque una patologia trasmissibile all’uomo.

Fortunatamente è possibile controllare la leishmaniosi mediante una corretta prevenzione. Esistono piccole semplici regole da mettere in pratica, per imparare ad aguzzare la vista e “drizzare le orecchie”, da bravi e responsabili pet parents: dimagrimento, stanchezza, comparsa di forfora, perdita del pelo, crescita abnorme delle unghie, sangue dal naso, ingrossamento dei linfonodi.

La prevenzione è davvero fondamentale, sia nei cani sani per proteggerli dall’ infezione, sia nei cani già infetti o malati per ridurre la diffusione della malattia tramite il vettore ad altri cani o all’uomo.  La lotta alla diffusione della malattia si fonda infatti su due principali fattori: la protezione dalla puntura del flebotomo e la vaccinazione.