La salute del cane nel corso degli anni, fattori chiave

  • 3 Apr, 2019
  • LEGGI IN 5 MIN
  • 03/04/2019
  • LEGGI IN 5 MIN

La salute del cane nel corso degli anni, fattori chiave

Salute del cane

Mantenere il cane in buona salute e in buone condizioni è una parte molto gratificante dello stare insieme. Misure e precauzioni semplici a casa unite a una routine regolare di controlli, in associazione a visite regolari e a un rigoroso rispetto del piano sanitario di prevenzione raccomandato dal Veterinario, contribuiranno a favorire molti anni di felice convivenza. Mantenere il cane in salute e contento vuol dire più tempo gratificante trascorso con il tuo migliore amico.

Alcuni elementi di base da considerare includono:

  • Visite veterinarie regolari. Le visite sono parte della regolare routine di ogni cane, per una consulenza ottimale sulla cura preventiva (ad es. trattamenti antiparassitari, protocolli di vaccinazione, sterilizzazione).
  • Una nutrizione corretta e una dieta bilanciata, appropriata per la razza, taglia e livello di attività del cane. Fatevi consigliare dal Veterinario.
  • Tempo abbondante per l’esercizio. Una routine variata di esercizi manterrà il cane stimolato e in forma, e possibilmente fornirà gli stessi benefici anche a voi!
  • Attenzione all’igiene dentale. Seguite i consigli del Veterinario per mantenere la salute di denti e gengive del cane.
  • Cura generale, inclusi pelo, unghie e monitoraggio della salute cutanea.

Pensate di portare a casa un cane o un cucciolo di razza pura? Informatevi sui possibili problemi di salute tipici della razza del cane

Alcune razze potrebbero essere più soggette di altre a soffrire di certi tipi di problemi. Può essere utile essere informati circa questi possibili problemi di salute. Per ulteriori informazioni su questioni di salute da considerare quando si sceglie il proprio compagno consultate “Guida ai disturbi congeniti ed ereditari dei cani” (Dodds, 2011), e “Razza, sesso ed età come fattori di rischio per varie patologie dei cani” (Hedhammar, 2010), due eccellenti guide che offrono informazioni più approfondite (vedere i link alla fine). Fornire al proprio cane una prevenzione adeguata rivolgendovi al Veterinario, includendo dieta, esercizio, vaccinazioni e antiparassitari è un ottimo modo per promuovere la salute e il benessere generale del cane a prescindere dalla razza.

Prenotate un appuntamento con il Veterinario non appena riceverete il nuovo cucciolo o lo avrete adottato da un rifugio. È un ottimo modo per ottenere i migliori consigli per iniziare questo cammino con il nuovo membro della famiglia.

la-salute-del-cane-nel-corso-degli-anni

Cosa c’è da sapere sulla vaccinazione

Uno dei primi argomenti di cui parlerete probabilmente con il Veterinario sarà il protocollo di vaccinazione. I vaccini rafforzano l’immunità del cane per proteggerlo da malattie infettive contagiose e sono il modo migliore per proteggerlo a vita.

Le vaccinazioni allertano il sistema immunitario contro il rischio di esposizione a diverse malattie infettive. La maggior parte dei vaccini si somministrano con una iniezione sottocutanea, mentre per altri basta qualche goccia nel naso.

Portando il proprio cane a controlli regolari e seguendo il programma di vaccinazioni raccomandato si garantisce che l’animale riceva un elevato standard di cura e protezione.

Quando si deve vaccinare il proprio cane?

Subito dopo la nascita, i cuccioli ricevono una protezione naturale tramite gli anticorpi presenti nel latte materno. Questa immunità fornisce un’ottima protezione ai cuccioli nelle prime settimane di vita, ma quando crescono, questa immunità diminuisce. È questo il momento in cui il sistema immunitario del cucciolo deve svolgere la sua funzione a seguito delle vaccinazioni. Queste vengono tipicamente somministrate ai cuccioli a partire dalla dalla 6-8ª settimana di età.

Con che frequenza si deve vaccinare un cane?

I vaccini per i cuccioli vengono somministrati con una serie di iniezioni a distanza di qualche settimana l’una dall’altra. Il cane adulto poi riceve ulteriori vaccinazioni a distanza di 6 o 12 mesi. Il Veterinario vi fornirà le raccomandazioni utili per mettere in atto un efficace programma vaccinale.

Che vaccinazioni dovrebbe ricevere il mio cane?

Differenti vaccini potrebbero essere raccomandati a seconda dello stile di vita del cane e dell’area di residenza. Esempi di patologie per cui esistono vaccini includono:

  • Parvovirosi canina
  • Cimurro
  • Epatite infettiva
  • Leptospirosi
  • Tracheobronchite infettiva
  • Rabbia (in alcune aree)
  • Leishmaniosi (in alcune aree)

Conservate il libretto delle vaccinazioni e aggiornatelo sempre ad ogni richiamo vaccinale. Questo libretto è necessario quando si porta il cane dal Veterinario o si espatria.

Quali sono i rischi legati ai cani non vaccinati?

L’eccitazione che il cane prova mentre esplora l’ambiente fuoricasa aumenta il divertimento durante le passeggiate: i cani amano annusare, leccare e a volte bere acqua sporca, ma è tutto parte del cammino! Il tuo cane potrebbe anche incontrare altri cani durante il giro e di solito non è possibile conoscere il loro stato di salute. C’è anche la possibilità che incontri animali di altre specie che potrebbero essere portatori di malattie contagiose, tra cui la rabbia, anche se si tratta di un’evenienza molto rara.

Se avete un nuovo cucciolo, una delle malattie infettive più gravi da cui tutelarsi i è la parvovirosi o gastroenterite infettiva. Purtroppo in alcuni casi può portare a morte, ma per fortuna sono disponibili vaccini.

Parvovirosi

Il parvovirus è un virus altamente contagioso che colpisce il rivestimento del tratto digestivo del cane. Viene trasmesso attraverso l’esposizione al virus escreto nelle feci di altri cani infetti. Il virus può sopravvivere fino a un anno o più e non viene inattivato facilmente, quindi è difficile sapere se il tuo cane è stato esposto. Questo virus può causare una grave malattia, che progredisce rapidamente, per cui è importante proteggere il cane con la vaccinazione

I sintomi dell’infezione da parvovirus possono includere:

  • Improvvisa, o rapida comparsa di apatia
  • Vomito persistente
  • Diarrea liquida, a volte con tracce di sangue
  • Perdita dell’appetito

La vaccinazione è vitale per la prevenzione di questa infezione. Le vaccinazioni devono essere iniziate quando il cane è ancora cucciolo e servono a ridurre i rischi legati a questa infezione

la-salute-del-cane-nel-corso-degli-anni-2

Cosa c’è da sapere sui trattamenti antiparassitari?

Un regolare trattamento antiparassitario è importante, anche per cuccioli già vaccinati.

Idealmente, la mamma del cucciolo dovrebbe essere stata sverminata prima di partorire, poiché alcuni parassiti possono essere trasmessi anche prima della nascita.

Per il nuovo cucciolo, è una buona idea somministrare un vermifugo per protezione.

Il Veterinario può raccomandare il prodotto vermifugo più adatto, tenendo in considerazione il peso e l’età del cucciolo.

Alcuni vermi possono essere trasmessi con la puntura delle zanzare come nel caso della filariosi cardiopolmonare. Dati recenti hanno dimostrato che il numero di soggetti affetti da filariosi è aumentato, in particolare negli USA (Società americana della filariosi, 2016).

Filariosi

La filariosi viene trasmessa ai cani attraverso la puntura di una zanzara infetta, portatrice della larva infestante . Le larve, introdotte nell’ospite tramite la puntura di una zanzara infetta, impiegano circa sette mesi per maturare e raggiungere lo stadio di verme adulto, che si localizza nelle arterie polmonari e nel cuore destro. In seguito le filarie adulte si riproducono generando nuovi vermi che infetteranno altre zanzare, che a loro volta pungeranno altri animali. I sintomi della filariosi in un cane infetto non compaiono immediatamente. Con l’aumento del numero di filarie adulte il cane presenterà tosse o facile affaticamento soprattutto a seguito di attività fisica. Entrambi questi sintomi dovrebbero essere investigati non appena possibile, portando il cane dal Veterinario.

La filariosi non è facile da trattare, pertanto è molto importante adottare queste semplici misure preventive a nostra disposizione. Discutete con il Veterinario le opzioni di prevenzione della filaria e concordate un piano di profilassi per ridurre al minimo il rischio di infestazione.

Chiedete poi al Veterinario anche informazioni sulle malattie più comuni tra i cani, come riconoscerle e cosa fare in termini di prevenzione.

la-salute-del-cane-nel-corso-degli-anni-3

Alcuni problemi da tenere in considerazione per i cani adulti

Malattie dei denti

Prendersi cura dei denti del cane è essenziale fin dall’inizio della vostra convivenza. Oggigiorno ciò è diventato molto più facile per i proprietari; sul mercato esistono infatti vari prodotti, da dentifrici specifici al sapore di carne a prodotti masticabili che combattono la placca dentale.

Orecchie

A volte i cani potrebbero soffrire di dolori alle orecchie, magari dovuti ad allergie o infezioni. Se ciò accadesse, i sintomi potrebbero essere una combinazione di prurito, arrossamento, cattivo odore o irritazione.

Chiedete al Veterinario dei consigli su come mantenere pulite le orecchie del cane. I cani di alcune razze, generalmente quelli con orecchie pendenti, potrebbero soffrire più frequentemente di problemi alle orecchie e richiedere controlli più frequenti.

Salute della pelle e allergie

Anche i cani possono soffrire di allergie, che compaiono quando il sistema immunitario scambia una sostanza innocua per una minaccia. Esistono molte allergie differenti, tra cui quelle verso il polline, gli acari della polvere,i profumi e anche alcuni tipi di ingredienti alimentari, proprio come accade per le persone. Le punture delle pulci inoltre possono essere causa di un’allergia particolarmente fastidiosa per il cane e proprio per questa ragione il controllo dei parassiti, in questo caso delle pulci, è sempre molto importante. Alcuni sintomi di allergia possono includere:

  • Prurito
  • Pelle arrossata e irritata
  • Dolore alle orecchie
  • Leccarsi regolarmente o di continuo

Chiedete al Veterinario dei consigli sugli shampoo e altri prodotti per la pelle. Sfortunatamente, alcuni prodotti possono aggravare le patologie della pelle. Ricordate che una pelle sana fornisce una barriera naturale resiliente che protegge il cane.

Disturbi allo stomaco

Una delle principali ragioni per cui i proprietari portano il cane dal Veterinario sono i problemi di vomito e diarrea. A volte questi sintomi compaiono a causa di intolleranze alimentari, in reazione a qualcosa che il cane ha mangiato o a causa di parassiti intestinali, come vermi o la giardia. Vomito e diarrea possono essere anche sintomi di altri tipi di malattie, quindi rivolgetevi al Veterinario, se necessario. La diarrea nei cuccioli può causare una rapida deidratazione e diventare un problema serio, quindi rivolgetevi al Veterinario e chiedete consigli su che misure adottare.

I sintomi della diarrea sono: feci liquide, inconsistenti, evacuazioni frequenti. Altri sintomi da tenere d’occhio includono:

  • Aumento nella quantità di feci
  • Evacuazioni difficoltose
  • Variazioni di umore
  • Apatia
  • Fatica o debolezza
  • Sangue o muco nelle feci

Annotare tutti i sintomi che rilevate, indicarne la gravità e il momento in cui compaiono può essere d’aiuto quando si porta il cane dal Veterinario. Inoltre, segnalate al Veterinario se sospettate che il cane possa aver ingerito qualcosa di strano.

Quando la diarrea si accompagna a vomito continuo, ciò potrebbe diventare rapidamente un grave problema di salute anche in cani adulti: portate il cane dal Veterinario quanto prima. Un unico episodio di vomito senza diarrea non è necessariamente una cosa preoccupante e potrebbe essere un disturbo che interessa lo stomaco e che si risolve da solo. Una telefonata al Veterinario può essere utile per avere un consiglio. Un disturbo allo stomaco si risolve con un periodo di digiuno di 24 ore o meno, seguito da una dieta leggera fornendo porzioni ridotte e più frequenti.

I cani sono proprio come noi e hanno problemi di salute che possono essere lievi o richiedere una visita dal Veterinario. Una cura preventiva regolare è il modo migliore per mantenere il cane al meglio delle condizioni.

New call-to-action

Diabete

Anche i cani possono sviluppare il diabete, come le persone. Questa malattia potrebbe comparire tardi durante la loro vita ed è molto meno comune tra cani più giovani.

Alcuni sintomi da tenere d’occhio:

  • Bere molta acqua (sete eccessiva)
  • Variazioni nell’appetito
  • Perdita di peso
  • Infezioni cutanee che non scompaiono o si ripetono di continuo

Una dieta bilanciata, un programma di esercizio e visite regolari dal Veterinario aiutano a ridurre il rischio di diabete.

Cancro

Il “cancro” può manifestarsi con vari sintomi differenti, alcuni lievi e poco preoccupanti, altri molto più gravi. I sintomi da tenere d’occhio includono:

  • Rigonfiamenti o escrescenze
  • Ulcere persistenti sulla pelle
  • Variazioni nell’appetito
  • Perdita di peso
  • Zoppie persistenti
  • Difficoltà di deglutizione o nell’assunzione del cibo
  • Difficoltà di respirazione

Questi sintomi possono essere dovuti anche ad altri disturbi, pertanto devono essere annotati e discussi con il Veterinario. Molte forme tumorali sono facili da trattare e si può scegliere tra opzioni analoghe a quelle disponibili per l’uomo.

Mantenere un compagno felice e in buona salute è parte della grande felicità che si prova quando siete insieme. Discutete con il Veterinario la cura preventiva, incluso il piano antiparassitario annuale e quello specifico prima delle vacanze. Le varie opzioni disponibili oggigiorno vi permetteranno di visitare qualsiasi posto con il vostro cane senza dovervi preoccupare dei rischi legati alla sua salute.